70 milioni di malati di acufeni in Europa: entro il 2018 un protocollo condiviso di gestione clinica 0 Comments

70 milioni di malati di acufeni in Europa: entro il 2018 un protocollo condiviso di gestione clinica

Più di 70 milioni di persone in Europa soffrono di acufeni che, per circa 7 milioni di persone, rappresentano una condizione debilitante. L’acufene di grado severo è spesso associato a depressione, ansia e insonnia che comportano conseguenze socio-economiche importanti. In considerazione dell’aumentata esposizione al rumore nelle attività quotidiane e ricreative,a il numero di persone colpite da acufene tenderà ad aumentare.

Nonostante l’elevato impatto socio-economico, la ricerca per l’acufene è piuttosto limitata. L’Unione Europea, perciò, ha approvato il finanziamento del COST Action TINNET che vuole creare un network di ricerca internazionale.

L’iniziativa COST è nata nel 1971 come quadro intergovernativo di cooperazione europea nella ricerca scientifica e tecnologica. Il COST finanzia progetti, detti “Azioni” (Action), che durano 4 anni. Nell’ambito dei 9 settori chiave scientifici e tecnologici il TINNET si inserisce in quello della “Biomedicina e bioscienze molecolari”.

Il TINNET è un network di ricercatori nato all’interno del progetto europeo COST con lo scopo di investigare le cause e le terapie più adatte ai vari tipi e sottotipi di acufene, per predisporre entro il 2018 un protocollo condiviso (linee guida) di gestione clinica per la diagnosi e il trattamento degli acufeni.

Gli obiettivi del Progetto saranno realizzati in 4 anni attraverso il lavoro d’equipe di 5 gruppi di studio interdisciplinari (working group, WG) rispettivamente focalizzati su clinica, database, neuroimaging, genetica e definizione di linee guida.

Il network dei ricercatori del TINNET si concretizza attraverso i congressi, le Short Term Scientific Missions (STSM), le Training Schools. Le attività del TINNET sono diffuse tramite riviste scientifiche, social network e web: http://tinnet.tinnitusresearch.net.

 

 

 

Condivisioni 0

This Post Has 0 Comments

Leave A Reply