Acufeni e progetto europeo COST TINNET: corso ECM gratuito +++posti ECM esauriti+++ 0 Comments

Acufeni e progetto europeo COST TINNET: corso ECM gratuito +++posti ECM esauriti+++

Acufeni E Progetto COST TINNET: L’Europa Fa Il Punto Della Situazione.

Tinnitus Center e COST TINNET relazionano sulla ricerca multidisciplinare il 27/02/2016 a Roma.

Il Tinnitus Center organizza il convegno internazionale (valido per 5 crediti ECM) Acufeni E Disturbi Dell’Udito: attualità ed aspetti multidisciplinari nell’ambito del progetto europeo COST TINNET, che si svolgerà il 27.02.2016, dalle ore 8:30 alle 14:00, presso l’Aula Levi dell’Università La Sapienza in Via dei Volsci n. 122, Roma.
L’acufene (in inglese tinnitus) è un disturbo dell’udito che si manifesta come un fischio o un rumore percepito in assenza di una stimolazione sonora. Le cause dell’acufene sono molteplici; i ricercatori continuano a elaborare teorie al riguardo e a proporre altrettanti nuovi terapeutici.
Il TINNET è un network di ricercatori nato all’interno del progetto europeo COST con lo scopo di investigare le cause e le terapie più adatte ai vari tipi e sottotipi di acufene per predisporre entro il 2018 un protocollo condiviso (linee guida) di gestione clinica per la diagnosi e il trattamento degli acufeni.
La Prof. Paola Perin, il Dr. Domenico Cuda, la Dr. A. Fioretti e la Dr. C. Stillitano del Tinnitus Center sono 4 rappresentanti italiani del TINNET e, al convegno del 27.02.2016, aggiorneranno medici e pazienti sui progressi dei gruppi di ricerca.
Nel corso della mattinata si parlerà della valutazione e della cura dell’acufene e degli altri disturbi correlati ad esso, come l’iperacusia (sensibilità estrema a suoni forti), la fonofobia (paura del suono) e la misofonia (sensibilità estrema a suoni specifici, associata spesso ai disordini di ansia).
Il convegno permetterà ai partecipanti di conoscere approfonditamente le novità nella ricerca in neuroscienze, le teorie e i trattamenti più accreditati, ma anche quelli più innovativi e promettenti, oltreché comprendere l’importanza dell’approccio multidisciplinare, in cui convergono le competenze di otorinolaringoiatri e dentisti, audiologi e neurologi, audioprotesisti e psicologi.
I disturbi dell’udito stanno aumentando nella popolazione a causa dell’inquinamento acustico, anche in ambito lavorativo per determinate mansioni e per livelli elevati di stress, ma anche a causa di attività ludiche e di intrattenimento inquadrabili nella cosiddetta leisure exposure. Condizioni che hanno fatto aumentare il rischio di sviluppare danni uditivi e patologie correlate soprattutto nei giovani e in chi abusa di sostanze stupefacenti e alcool. La complessità delle cause richiede perciò un’indagine altrettanto complessa e, perciò, multidisciplinare.
I relatori, tra cui il Prof. A. Eibenstein e la Dr.ssa E. Natalini, la Dr.ssa M. Cassano e il Dr. R. Moschen, la Dr.ssa S. Cicchiello e la Dr. G. Peri, illustreranno ai partecipanti i metodi di valutazione e screening dell’acufene e dei disturbi correlati, gli approcci clinici più diffusi, le tecniche più accreditate (come la TRT) e quelle emergenti (come il metodo Tomatis e la Mindfulness). La senior audiologist Melanie Gregory presenterà la sua esperienza in collaborazione con l’Ida Institute (Danimarca). Una tavola rotonda multidisciplinare incentrata sui cai clinici concluderà la giornata.

Pre-iscrizione obbligatoria:

– per i crediti ECM è necessaria la pre iscrizione compilando il form sul sito www.diapoeventi.it > Medical Education > Elenco Congressi

– per partecipare come uditore/paziente comunicare il proprio nominativo alla dr.ssa Carmela Stillitano (carmela.stillitano@libero.it, 340 4847593)

0 Condivisioni

This Post Has 0 Comments

Leave A Reply